La crescita di Pechino rischia di arenarsi sui consumi interni

Must Read

La crescita cinese c’è, ma la strada è in salita. Lo conferma il braccio armato del partito sulle riforme, la National and development reform commission (NDRC), che ha reso noto nella conferenza stampa di metà anno l’andamento del primo semestre dell’economia cinese. La NDRC interviene, a ruota, dopo la diffusione del dato del Pil del secondo trimestre che conferma il rallentamento della crescita: +7,9% nel secondo trimestre, Pechino torna alla normalità dopo l’esplosivo +18,3% dei primi tre mesi del 2021.

He Lifeng, a capo della NDRC

Una partita giocata a livello locale

Ci sono molti punti oscuri, soprattutto a pochi giorni dal primo taglio dei ratios alle riserve bancarie da un anno a questa parte.

Loading…

Ma, ancora una volta, la NDRC non scende dal macro al micro. La partita cinese si gioca tutta a livello locale. L’elemento critico è quello dei consumi interni, considerati un driver cruciale per la ripresa cinese e che, invece, in alcuni casi si dimostra meno forte della crescita industriale e della bilancia commerciale.

Alcune province e città strategiche, in testa Wuhan, epicentro del Covid-19, non reagiscono sul fronte della crescita, e si dimostrano disallineate rispetto al criterio nazionale.

Tra queste alcune che nel 2021-2019 avevano dimostrato di reggere all’impatto del Covid-19: Guiyang (Guizhou) aveva registrato un +12,3%, Yinchuan (Nigxia) -2,8%, Shijiazhuang (Hebei) -2,8% e -2,3% Wuhan (Hubei).

- Advertisement -spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisement -spot_img
Latest News

SCUOLA/ Family Act e paritarie: l’aiuto finanziario c’è, ora va “solo” attuato

La legge 32/2022 sovviene alle spese delle famiglie per i figli 0-6 anni se frequentano le paritarie. Ma solo sulla carta: sinistra la delega
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img