La sfida della Polonia al diritto comunitario destabilizza l’Unione

Must Read

È con preoccupazione che l’establishment europeo sta valutando la recente sentenza con la quale la Corte costituzionale polacca ha messo in dubbio la preminenza del diritto comunitario rispetto alla legislazione nazionale. Dietro alle prese di posizione bruxellesi si nasconde il timore di assistere al tentativo più o meno surrettizio di disfare l’intelaiatura giuridica su cui poggia la stessa Unione europea.

La presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, si è detta «profondamente preoccupata» dalla sentenza. «I nostri Trattati sono molto chiari. Tutte le sentenze della Corte europea di Giustizia sono vincolanti per tutte le autorità degli Stati membri, compresi i tribunali nazionali. Il diritto dell’Unione ha il primato sul diritto nazionale, incluse le disposizioni costituzionali. Useremo tutti i poteri che abbiamo in base ai Trattati per garantire questo principio».

Interpellata dal proprio Governo, la Corte costituzionale polacca ha preso posizione
giovedì affermando che due articoli dei Trattati sono «incompatibili» con la costituzione
nazionale. La decisione della magistratura, che entrerà in vigore solo una volta pubblicata, ha suscitato vive reazioni. Molti osservatori ritengono che la sentenza sia un primo passo verso l’uscita del Paese dall’Unione. Il premier nazionalista Mateusz Morawiecki ha assicurato che «la Polonia intende rimanere nella famiglia europea delle nazioni».

Non è la prima volta che alcune magistrature nazionali mettono in dubbio il primato del diritto comunitario. Nel 2020 la Corte costituzionale tedesca criticò gli acquisti di debito da parte della Banca centrale europea allorché questi avevano ricevuto il benestare della Corte europea di Giustizia. Dubbi più o meno seri sono stati espressi negli anni anche dalla magistratura in Danimarca, nella Repubblica Ceca, in Ungheria, in Francia e in Romania (ancora recentemente sul fronte giudiziario).

A Bruxelles è forte il timore di uno sfilacciamento dell’ossatura giuridica su cui poggia l’Unione europea, tanto più che il caso polacco è eclatante rispetto per esempio a quello tedesco. Non solo la sentenza ha carattere generale, ossia non riguarda una vicenda specifica, ma è stata anche richiesta direttamente dal governo locale. Secondo le informazioni raccolte negli ambienti comunitari, tre sono le strade che Bruxelles sta valutando in questo frangente.

- Advertisement -spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisement -spot_img
Latest News

Ucraina, ultime notizie. Usa sequestrano 1 miliardo di dollari a oligarca russo

L’Aiea ha perso di nuovo il unitamentetatto unitamente la centrale nucleare di Zaporizhzhya. Nato: guerra potrebbe durare fino al 2023. Putin: nel caso che la Nato invierà truppe in Finlandia e Svezia risponderemo
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img