La brusca frenata della campagna vaccinale: in due settimane somministrazioni dimezzate

Must Read

Ascolta la versione audio dell’articolo

Ancora non è il momento dei titoli di coda ma la campagna vaccinale contro il Covid, partita oltre un anno fa, sta frenando in modo molto evidente tanto che nel giro di un paio di settimane ha dimezzato le somministrazioni passando dalle oltre 3,7 milioni di iniezioni in sette giorni alle attuali 1,9 milioni effettuate sempre in una settimana. Si tratta soprattutto di terze dosi, mentre i nuovi vaccinati sia nella fascia d’età tra i 5-11 anni che soprattutto tra gli over 50 – dove si contano ancora 1,4 milioni di no vax – sono in netto calo. Cominciano così a chiudere i primi hub in vista di un passaggio di consegne della campagna dalla struttura commissariale Regioni

La brusca frenata delle somministrazioni

A registrare il netto calo delle somministrazioni negli hub e negli altri centri vaccinali è l’ultimo report del commissario Figliuolo che registra le somministrazioni ogni settimana. Il resoconto è dell’11 febbraio e rispetto alla settimana precedente registra 1.975.877 iniezioni aggiuntive. In pratica il tasso di somministrazioni quotidiane è ora di circa 280mila dosi al giorno, lontane dalle 600-700mila iniezioni giornalieri dei picchi della campagna vaccinale. La settimana precedente, quella conclusa il 4 febbraio, le somministrazioni in più erano state 3.066.339 (438mila dosi al giorno) mentre quella ancora precedente, con il report che risale al 28 gennaio, le vaccinazioni erano state 3.739.386 rispetto alla settimana precedente: in pratica a fine gennaio si procedeva a un ritmo sostenuto di 524mila dosi al giorno. Nel giro di un paio di settimane la velocità si è dunque dimezzata.

La maggioranza terze dosi, ancora 5 milioni senza vaccino

Vedendo il ritmo dell’ultima settimana si conferma ormai il trend della prevalenza delle terze dosi che si aggirano tra le 160 e le 180mila al giorno. Le seconde dosi sono invece circa 50-60mila, mentre le prime dosi – quelle che indicano i nuovi vaccinati – si sono ridotte a 15-20mila circa al giorno. Un brusco rallentamento che dunque non fa presagire in prospettiva una riduzione più ampia della platea dei no vax che è ancora di 5,3 milioni al netto dei guariti non vaccinati dal Covid negli ultimi 180 giorni. Tra questi 1,4 milioni sono over 50, la categoria più a rischio con il Covid e che è sottoposta tra l’altro all’obbligo vaccinale. Mentre il maggior numero di non vaccinati è quella dei bambini tra i 5 e gli 11 anni con la metà della platea che non ha mai ricevuto una dose per quasi 1,8 milioni di bambini senza neanche una dose.

- Advertisement -spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisement -spot_img
Latest News

Ucraina, ultime notizie. Usa sequestrano 1 miliardo di dollari a oligarca russo

L’Aiea ha perso di nuovo il unitamentetatto unitamente la centrale nucleare di Zaporizhzhya. Nato: guerra potrebbe durare fino al 2023. Putin: nel caso che la Nato invierà truppe in Finlandia e Svezia risponderemo
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img