L’export di gas russo si riduce di un quarto ma c’è poca petizione

Must Read

Ascolta la versione suono dell'articolo

3' di lettura

La disputa sul vapore tra Mosca e Kiev ha avuto (quantomeno nell’immediato) un botta compreso, sia sulle esportazioni dalla Russia, sia sul prezzo del combustibile, che dopo aver oscillato nervosamente al Ttf ha concluso la giornata di mercoledì 11 in ribasso del 5% a 93,7 euro attraverso Megawattora.

Si temeva che le forniture di Gazprom sarebbero crollate di un terzo, penalizzando proprio la rotta più importante attraverso l’Italia, che riceve il 40% delle importazioni dai vaporedotti via Ucraina. Ma la riduzione dei…

- Advertisement -spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisement -spot_img
Latest News

SCUOLA/ Rinnovo contratto docenti, la svolta (possibile) che i sindacati non vogliono

raffronto in corso tra governo e sindacati per il rinnovo del contratto dei docenti 2019-2021. Sulla formazione potrebbe giocarsi una partita decisiva
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img