Ucraina, Zelensky: il mondo protesti oggi. All’Onu la Cina vota con Mosca. Chernobyl, incendio sotto controllo

Must Read

All’Onu il Consiglio di sicurezza ha bocciato la risoluzione russa sulla situazione umanitaria in Ucraina, ma Pechino ha votato con Mosca. Negli Stati Uniti, rivela il Nyt, Biden ha creato un Tiger team per affrontare il rischio di un attacco chimico da parte di Mosca. C’è attesa per i summit di oggi: Consiglio Ue, G7 e vertice Nato. E a un mese dall’inizio dell’invasione russa in Ucraina, il presidente Zelensky invita le persone di tutto il mondo a protestare oggi: «Scendete nelle piazze e fatevi sentire». Kiev chiede all’Occidente di inviare «armi offensive» come «mezzo di deterrenza»: il Regno Unito consegnerà altri 6mila missili. In due o tre giorni arriveranno anche le armi dagli Usa. Il presidente americano Joe Biden, dal canto suo, chiede all’Europa di andare avanti con le sanzioni sull’energia contro Mosca, ma la Ue è divisa. La Germania frena. E gli Usa valuteranno i modi per aumentare le forniture di gas naturale liquefatto all’Europa nelle prossime settimane. C’è allarme, poi, per un incendio nei boschi vicino a Chernobyl, con i vigili del fuoco al lavoro. Mentre i russi hanno distrutto un ponte nevralgico per i collegamenti con Kiev. Suonano, infine, gli allarmi antiaerei a Odessa.

Solo la Cina con la Russia nella risoluzione Onu

La Cina si schiera con la Russia all’Onu. La risoluzione elaborata da Mosca sulla situazione umanitaria in Ucraina e bocciata in Consiglio di Sicurezza ha infatti ottenuto un unico voto a favore, quello di Pechino, a fronte di 13 astensioni. Pur parlando della situazione umanitaria in Ucraina, il testo non faceva alcun riferimento all’invasione dell’Ucraina da parte Russia e al ruolo di Mosca nella crisi. La Russia “sta cercando di usare il Consiglio per coprire le sue azioni”, ha detto l’ambasciatrice americana all’Onu, Linda Thomas-Greenfield. “Alla Russia non interessa il deterioramento delle condizioni umanitaria”, ha aggiunto.

Biden crea «Tiger team» in caso di uso di armi nucleari, chimiche o biologiche

La Casa Bianca ha creato un «Tiger team» per studiare un piano in casi di attacchi nucleari, chimici o biologici in Ucraina. Il Tiger team, così è stato definito secondo il New York Times, si occupa più in generale di situazioni estreme, come quella di un eventuale attacco a convogli di aiuti o armi Nato da parte di Mosca. La squadra di funzionari, inoltre, studia una possibile estensione del conflitto alla Moldavia o alla Georgia, e ha elaborato proposte che saranno discusse dal presidente americano, Joe Biden, nel corso del vertice dell’Alleanza.

Per approfondire: Armi chimiche: il mondo ha distrutto il 99% delle scorte ma la Russia resta un grande buco nero

Kiev accusa: «Bombe al fosforo su regione Lugansk, ci sono morti»

Nella regione di Lugansk, nel sud est dell’Ucraina, l’esercito russo continua a bombardare le città anche con bombe al fosforo. Lo scrive su Telegram il capo dell’amministrazione militare regionale di Lugansk, Sergey Gaidai, citato dall’agenzia Unian, sottolineando che ci sono morti e feriti. “Nella notte gli invasori hanno bombardato la regione di Lugansk con missili e bombardamenti al fosforo – scrive -. Si sa già che quattro persone sono morte e i russi hanno danneggiato o completamente distrutto molte case”. Colpite le città di Severodonetsk, Lysychansk, Rubizhne, Kreminna, Novodruzhesk e Voevodivka.

- Advertisement -spot_img

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisement -spot_img
Latest News

SCUOLA/ Family Act e paritarie: l’aiuto finanziario c’è, ora va “solo” attuato

La legge 32/2022 sovviene alle spese delle famiglie per i figli 0-6 anni se frequentano le paritarie. Ma solo sulla carta: sinistra la delega
- Advertisement -spot_img

More Articles Like This

- Advertisement -spot_img